chi siamo

chi siamo

Silvia, Strategia

Silvia inizia a lavorare in pubblicità agli inizi degli anni'90, prima in JWT, poi in McCann dove è responsabile della strategia di comunicazione globale per grandi gruppi come Unilever, Kraft, Coca-Cola e alcune importanti aziende italiane, per esempio Barilla.
È cosi, che Silvia impara il mestiere di una delle lettere del branding, la lettera "S", strategia, sviluppando una forma mentis appunto strategica e un punto di vista globale.

Dopo la fase della pubblicità, il branding: dal 2008 al 2016 Silvia è Head of Brand Strategy in Futurebrand Milano,

dove si occupa di sviluppare strategie per marche rilevanti e attrattive come Barilla, Galbusera, Fiat 500, Luxottica, Nespresso, Illy, Nike, Camper, Canali, Autogrill, Esselunga, Coop, Actionaid.

Dal 2015 Silvia è Counselor for Art al MIT di Boston, visiting professor alla Domus Academy e alla Università Politecnico di Milano. Scrive per Retailwatch.it, oltre ad avere pubblicato il libro "Dialoghi", edizioni Postmedia, dedicato alla quotidianità del fare branding.

Nell'Ottobre 2016, Silvia fonda The Branding Letters, uno studio di branding dove ogni giorno lavora fondendo passione e intuizione, sfida e mestiere, cuore e impegno.

Chiara, Creatività

Chiara nasce "C", nasce creativa, e grazie a questo suo talento puro, si costruisce una competenza unica in Italia nel branding. Durante la sua carriera - prima in Gio Rossi e poi in Futurebrand - dedica la sua creatività a clienti come Alitalia, Barilla, Esselunga, Chicco, Yomo, Recarlo, Galbusera, e tantissimi altri.

Il suo expertise travalica anche il confine nazionale, collaborando con clienti globali come Unilever e vincendo I più importanti riconoscimenti mondiali nel packaging.

Per esempio, Chiara vince due volte di fila il più prestigioso premio internazionale di packaging, il Pentaward.

E’ Visiting Professor alla Creative Academy del Politecnico.

Nel 2016 Chiara fonda The Branding Letters, la sua agenzia di branding, forte della convinzione che “il design italiano sa parlare tutte le lingue”.